Domande ricorrenti su InstantBDExpress

(C) 2005-2015 Ethea

Caratteristiche aggiuntive rispetto alla compatibilitÓ BDE

Posso usare i componenti standard dbExpress con un TIBDXDatabase?

Certamente; al momento, occorre collegarli a run time all'oggetto TSQLConnection accessibile tramite la proprietÓ TIBDXDatabase.SQLConnection. Ad esempio:

SQLDataSet1.SQLConnection := IBDXDatabase1.SQLConnection;

Posso regolare o disabilitare il fetching incrementale?

Dato che IBDX si basa sul ClientDataSet, il fetching incrementale Ŕ regolabile attraverso la proprietÓ (pubblica) PacketRecords. Fate riferimento alla documentazione di Delphi per sapere come usarla.

Posso usare i componenti InfoPower (TwwTable e TwwQuery) con InstantBDExpress?

I componenti InfoPower (in particolare TwwTable e TwwQuery) sono derivati dai componenti BDE. IBDX emula per quanto possibile l'interfaccia pubblica delle classi BDE, ma per supportare la ricompilazione di classi derivate occorre sia emulata anche l'interfaccia protetta, il che Ŕ pi¨ complesso. Abbiamo comunque convertito con successo applicazioni basate sui componenti InfoPower in IBDX, e inoltre i controlli data-aware di InfoPower sembrano funzionare senza problemi con i dataset IBDX.

Distribuzione e installazione

Cosa serve distribuire con un'applicazione IBDX?

Le applicazioni IBDX hanno bisogno della midas.dll per la versione di Delphi usata. Questa DLL va copiata nella cartella di sistema, badando di non sovrascrivere un'eventuale versione pi¨ recente giÓ presente nella cartella.

Va distribuito anche il file IBDXConnections.ini (che Ŕ l'equivalente IBDX del file isapi32.cfg del BDE), che deve trovarsi in un certo percorso e deve contenere tutti gli alias usati dall'applicazione. Il percorso in cui si trova il file IBDXConnections.ini va scritto nel Registro di configurazione, chiave HKEY_CURRENT_USER\SOFTWARE\IBDXAdmin\ConfigFileName. Notate come non sia necessario distribuire il file IBDXDrivers.ini, che Ŕ usato solo da IBDX Administrator.

Inoltre segnaliamo che, per supportare la presenza di versioni diverse di IBDX sullo stesso computer, il nome del file IBDXConnections.ini diventa IBDXConnections3.ini per le applicazioni create con Delphi 2006, IBDXConnections4.ini per le applicazioni create con Delphi 2007/2009 e IBDXConnections5.ini per Delphi 2010 e seguenti.

Il percorso del file di configurazione va sempre scritto nel Registry?

Non necessariamente; se non si ha bisogno di IBDX Administrator, si può installare il file di configurazione in una cartella a scelta, e chiamare IBDXDBTables.SetCustomConfigFieName all'avvio del programma.